CANNES DIRECTORS’ FORTNIGHT 2012 CORRISPONDENZA – Horizon (Paul Negoescu) – ITA

per desistfilm: Lea Liotine

A guardare Horizon, il film del giovane regista rumeno Paul Negoescu, si individua una difformità netta ma inintellegibile a prima vista. Quello che ci mette a disagio sul finire del cortometraggio, quando i titoli di coda cominciano a fluire in basso, è l’epilogo fantastico, apparentemente fantascientifico che ghermisce il protagonista, il pescatore solitario che abbiamo avuto modo di seguire nelle uscite in mare fino al ritorno a riva dove consuma il pesce, fuma e osserva il tramonto ed il cielo fittamente stellato.

Come molto del cinema nazionale rumeno a cui sembra appartenere, il film in questione gode di un certo realismo esistenziale, monadico, che compie la sua evoluzione attorno ad un uomo solo e alla sua vita ai margini vissuta però con modesta soddisfazione. Mentre con una piccola imbarcazione a motore solca le acque di un porto commerciale passando al fianco di pescherecci e piattaforme, il nostro pescatore sembra incarnare i valori della povertà beata della tradizione contro l’industrializzazione sfrenata secondo il canovaccio di una polemica passatista fin troppo abusato. L’uomo e il mare posti in una relazione simbiotica dialogano senza screzi a lungo al punto che alcuna narrazione è necessaria. L’equilibrio sul quale contiamo dal principio della storia a un tratto, però, s’inabissa nel fantastico come l’onda che dal ventre marino scaglia in acqua l’uomo e lo tira a fondo. L’espediente del soprannaturale sgrava la storia del peso di un  realismo melenso che il regista irride e sbeffeggia.

Un Coup de théâtre imprevedibile e destabilizzante che sembra conferire alla storia il senso della fiaba panteistica, che sembra avvicinare questa piccola opera ben tornita al racconto fantastico che faceva della natura una matrigna, genitrice e spietata carnefice. Silente come aveva vissuto sino ad allora, incompreso e sconosciuto al mondo, scompare assieme all’uomo la tradizione probabilmente. Senza uno strillo.

Director: Paul Negoescu
Writers: Paul Negoescu
Producers: DE FILM – Radu Stancu
Cinematographer: J Andrei Butica
Music: Dan-Stefan Rucareanu
ROMANIA
11   mins
La Semaine de la Critique – shorts

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: