BAFICI corrispondenza: 10+10 (VVAA) ITA

per desistfilm: Lea Liotine

Mi sono avvicinata a questo film sotto i migliori auspici, non solo perchè si trattava di un pout-pourri di venti cortometraggi da cinque minuti ciascuno realizzati da altrettanti registi di taiwan, rinomati ed emergenti, incluso il maestro Hou Hsiao-Hsien, ma anche e soprattutto perchè questo film collettivo è stato commissionato dal Taipei Golden Horse Film Festival per celebrare il 100° anniversario della costituzione della Repubblica Cinese. Qualcosa di simile venne realizzato forse con risulati migliori con Chacun son cinéma (ou Ce petit coup au coeur quand la lumière s’éteint et que le film commence – amo molto di più il titolo esteso ed eloquente, spero possiate perdonarmi) nel 2007,ciononostante 10+10 assume un certo interesse poiché si tratta di un’inedita e senza precedenti opera nazionale collettiva.

10+10  dimostra chiaramente l’emancipazione che il cinema di Taiwan ha assunto nei confronti della cultura della madrepatria cinese negli ultimi trent’anni riconoscendo e , allo stesso tempo, testimonia le proprie origini e una certa autenticità. Nonostante tutto, il dolceamaro tipico della formula del  portmanteau è rappresentato qui dalla discontinuità interna e dall’imperscrutabilità da parte del pubblico non asiatico e non di Taiwan degli eventi storici di cui il film è disseminato. Attraverso alti e bassi l’omnibus dona perle di cinema contemporaneo di Taiwan in pillole, il cui comun denominatore sembra essere la nostalgia.

Degni di nota sono tra gli altri il frammento A Grocery Called Forever di Wu Nien-jen, noto attore, regista e sceneggiatore, che narra la storia di un’anziana signora che gestisce un negozio di alimentari di famiglia come fosse una scommessa tra la tradizione e la modernità che la circonda, e il corto di Cheng Yu-chieh Unwritten Rules che segue una troupe cinematografica nella rimozione di una maestosa bandiera in legno dell’isola dalla location scelta per le riprese, simbolicamente sotto di essa troveranno quella cinese. Il viaggio all’interno dell’isola fatto di istantanee e suggestioni continua con Bus Odyssey di Shen Ko-shang, un interessante esperimento di film noir; non diversamente Reverberation, il thriller di Chung Mong-hong  sul tema del bullismo. Svetta su tutto per bellezza il corto retrò di Chen Kuo-fu The Debut, con Peggy Tseng e Doris Wang.

Director: VVAA Wang Tung, Wu Nien-jen, Wei Te-sheng, Cheng Wen-tang, Shen Ko-shang, Wang Shau-di, Chen Yu-hsun, Sylvia Chang, Kevin Chu, Chen Kuo-fu , Chang Tso-chi, Cheng Yu-chieh, Ho Wi Ding, Rendy Hou, Leon Dai, Chung Mong-hong, Gilles Yang, Hsiao Ya-chuan, Arvin Chen, Hou Hsiao-hsien.

Writers: Wang Tung (I), Wu Nien-jen (II), Wei Te-sheng (III), Cheng Wen-tang (IV), Shen Ko-shang (V), Wang Shau-di (VI), Chen Yu-hsun (VII), Sylvia Chang (VIII), Kevin Chu (IX), Chen Kuo-fu (X), Chang Tso-chi (XI), Cheng Yu-chieh (XII), Ho Wi Ding (XIII), Rendy Hou (XIV), Leon Dai (XV), Chung Mong-hong (XVI), Gilles Yang (XVII), Hsiao Ya-chuan (XVIII), Arvin Chen (XIX), Hou Hsiao-hsien (XX)

Producers: Wen Tien-hsiang

Produced: Taipei Golden Horse Film Festival Executive Committee (TW).

Executive producer: Hou Hsiao-hsien.

Cinematographer: Mahua Feng (I), Wang Chun-ming (II), Liao Ching-yao (III, XII), Huang Hung-chi, Wang Yen-ni, Chiang Yi-ning (III), Chang I-feng (IV), Chien Yu-tao (V), Huang Tien-jen (VI), Sam Hu (VII), Joshua Lin (VIII), Pun Yiu-ming (IX), Jake Pollock (X, XIII), Li Chien-hung, Chang Yi-ming (XI), Kwan Pun-leung (XIV), Chang Hsiang-yu (XV), Chung Mong-hung (XVI), Chou Yi-hsien (XVII), Lin Tse-chung (VXIII), Fisher Yu (XIX), Yao Hung-i (XX)

Starring: Tsai Ming-hsiu, Hsieh Chi-wen (brothers). II: Li Hou Lou-yuan (mother). III: Lin Ching-tai (himself). IV: Lai A-jie (Fang). V: Nikki Hsieh (bus driver).VI: Kou Chia-hui (man), Jenny Liao (woman). VII: Lee Lieh (Liu Chi, the woman), Ko I-cheng (the salon owner), Laurence Ko (Liu Chi’s lover). VIII: David Chang. IX: Chang Fang-yi (An-tai, the girl). X: Doris Wang (the singer), Peggy Tseng (the older woman), Chen Yu-hsun (the TV floor manager). XI: Cheng Shih-hua (Chiang, the soldier), Wu Li-yuan (young Chun). XII: Kao Ying-hsuan, Huang Chien-wei, Chang Chieh. XIII: Cheng Chin-shan (the old man). XIV: Chi Lu-hsia (old Chi Lu-hsia), Chien Man-shu (young Chi Lu-hsia), River Huang (young man in park). XV: Guei Lun-mei (Li, the young woman). XVI: Jack Kao (Chou Wei-te’s father), Lu Yi-ching (Chou Wei-te’s mother), Leon Dai (Hsiao-pan’s uncle). XVII: Lee Kuan-yi (the boy), Chiu Chin-chuen (the girl), Matt Wu. XVIII: ZaiZai Lin (the customer), Era Wang (the sales clerk). XIX: Joseph Chang (the man), Angela Chang (the woman). XX: Shu Qi (the young woman), Mei Fang (her great-grandmother).

Taiwan

114 mins

 

 

 

 

Comments
One Response to “BAFICI corrispondenza: 10+10 (VVAA) ITA”
Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] for desistfilm: Lea Liotine per la versione italiana cliccare qui  […]



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: